Se a un bambino viene diagnosticata un'intossicazione alimentare: trattamento e farmaci

Il trattamento dell'intossicazione alimentare dovrebbe iniziare con una diagnosi appropriata..

Se i genitori hanno il sospetto che il bambino sia stato avvelenato, ad es. sintomi e segni indicano precisamente avvelenamento e non un'esacerbazione, ad esempio, di una malattia cronica, non vale la pena ritardare l'inizio della terapia.

Iniziare è sempre la parte più difficile perché il bambino non si sente bene ed è più probabile che rinunci a tutto, compresa l'acqua tanto necessaria. Nell'articolo ti diremo come puoi dare da bere al tuo bambino ed elencheremo anche le azioni che non possono essere fatte in caso di avvelenamento.

Come trattare

Il primo passo nel trattamento dell'incisione alimentare nei bambini è l'eliminazione della tossina dal tratto gastrointestinale. Il lavaggio pulisce lo stomaco da agenti tossici e residui di cibo non digerito. La procedura più efficace sarà nelle prime ore dopo i segni di avvelenamento nel bambino. L'assunzione di enterosorbenti e antisettici intestinali aiuterà a rimuovere la tossina che è entrata nell'intestino.

L'intossicazione alimentare è sempre accompagnata da vomito e diarrea ripetuti. Nei bambini, soprattutto nei primi anni di vita, la disidratazione si verifica rapidamente in tali condizioni. Una massiccia perdita di liquidi ed elettroliti porta a disturbi metabolici e malfunzionamenti del sistema cardiovascolare. Nei casi più gravi, la disidratazione può portare alla morte. Le soluzioni di reidratazione orale possono aiutare a reintegrare la perdita di liquidi e minerali a casa. È necessario annaffiare il bambino frequentemente e frazionatamente per compensare le perdite.

Dopo aver eliminato la tossina e normalizzato l'equilibrio idrico ed elettrolitico, è necessario rimuovere i sintomi associati all'intossicazione alimentare. Un aumento della temperatura corporea a 38,5 e oltre richiede la nomina di antipiretici.

Un elemento obbligatorio nel trattamento dell'intossicazione alimentare nei bambini è la dieta. Il cibo dovrebbe contenere tutti i nutrienti necessari e allo stesso tempo essere delicato sul tratto digestivo.

Cosa non fare

Restrizioni per intossicazione alimentare:

  • non fermare la diarrea. I farmaci antidiarroici non trattano la diarrea; interrompono temporaneamente la motilità intestinale. Quindi, la tossina rimane nel tratto digestivo e viene assorbita nel sangue. Questi farmaci sono vietati per l'uso nei bambini sotto i 12 anni di età, perché possono avere un effetto simile agli oppiacei se assunti in modo errato;
  • non somministrare enzimi. Spesso, durante l'avvelenamento, la motilità dello stomaco viene disturbata e iniziano i processi di fermentazione del cibo non digerito. Non funzionerà per "spingere" il cibo con l'aiuto di preparati enzimatici - aggraverà la condizione. Sarà più efficace eliminare il contenuto dello stomaco mediante un lavaggio accurato;
  • non "mascherare" il dolore. I sintomi dell'avvelenamento sono simili ai primi segni di malattie infiammatorie gastrointestinali. E il sollievo dal dolore in questo caso complicherà la diagnosi corretta. Gli antispastici (drotaverina, papaverina) rilassano la muscolatura liscia dell'intestino. Questo rende più difficile l'ingresso di gas, il che aumenta il disagio addominale..

Primo soccorso

Prima di smontare passo dopo passo l'algoritmo di azione in caso di avvelenamento in un bambino, è necessario indicare i casi in cui è vietato il trattamento a casa.

Quindi, il ricovero è necessario se (se):

  • il bambino non ha tre anni;
  • lo sviluppo di sintomi di avvelenamento dopo aver mangiato funghi;
  • la presenza di sangue sotto forma di strisce nel vomito e nelle feci;
  • vomito indomabile che rende difficile bere;
  • sintomi crescenti di disidratazione (pallore e secchezza della pelle e delle mucose, diminuzione della quantità di urina, aumento della frequenza cardiaca, mancanza di respiro, alterazione della coscienza);
  • cambiamenti nella pelle (giallo, eruzione cutanea);
  • la presenza di sintomi di avvelenamento in diversi membri della famiglia;
  • lo sviluppo di segni di botulismo: visione doppia, disturbi della parola e deglutizione, convulsioni.

Se il bambino sviluppa nausea, vomito, diarrea e dolore addominale, i genitori dovrebbero seguire il seguente piano d'azione:

  1. Lavaggio gastrico con soluzione di bicarbonato di sodio al 2% (mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio per 100 ml di acqua). Il volume di liquido bevuto nei bambini di età inferiore a un anno dovrebbe essere di 50-100 ml / kg, di età superiore a un anno - 0,5 litri all'anno di vita (ma non più di 7 litri). La temperatura della soluzione dovrebbe essere di 36-37 °. La lavanda gastrica deve essere ripetuta più volte per pulire l'acqua di lavaggio.
  2. Eliminazione della tossina. Ricezione di enterosorbenti: carbone attivo, Enterosgel, Smecta. La nifuroxazide antisettica intestinale può essere utilizzata sotto forma di sospensione e compresse (osservare attentamente i limiti di età).
  3. Reidratazione. Le soluzioni di reidratazione orale (Regidron, Humana Electrolyte, Gastrolit, ORS) saranno i mezzi migliori per saldare un bambino. Se il bambino si rifiuta di bere prodotti farmaceutici, puoi offrirgli acqua in bottiglia normale senza gas o composta di frutta secca. Non utilizzare succhi confezionati, soda o bevande a base di latte per la reidratazione. Devi bere spesso, ma in piccole porzioni (1-2 sorsi).
  4. Dieta. Nei bambini di età inferiore a un anno, il latte materno o le formule di latte fermentato adattate saranno un'alimentazione ottimale per l'avvelenamento. Ai bambini più grandi può essere somministrato grano saraceno o porridge di riso in acqua, banane, mele cotte, biscotti, carne magra grattugiata.

Cosa regalare: scegliamo un medicinale

I principali gruppi di farmaci per il trattamento dell'intossicazione alimentare sono:

  • enterosorbenti,
  • farmaci antimicrobici,
  • soluzioni di reidratazione orale.

Carbone attivo e altri farmaci

Assorbe efficacemente varie sostanze tossiche dal tubo digerente senza irritare la mucosa. Dovrebbe essere usato in ragione di 1 g per kg di peso del bambino.

Enterosgel

È una "spugna molecolare" che lega le tossine dal tratto digerente. Non viene assorbito dal tratto gastrointestinale, non ne irrita le pareti e non influisce sulla peristalsi.

  • bambini sotto un anno: ½ cucchiaino 6 volte al giorno (precedentemente diluito con acqua o latte materno);
  • da 1 anno a 5 anni: ½ cucchiaio 3 volte al giorno;
  • oltre i 5 anni: 1 cucchiaio 3 volte al giorno.

Smecta

Alluminosilicato naturale con un marcato effetto adsorbente. Non viene assorbito e non influisce sulla motilità gastrointestinale. Ai bambini di età inferiore a un anno vengono prescritte 2 bustine al giorno, oltre un anno - 4 bustine al giorno. Prima dell'uso, Smecta viene sciolto in un flacone di alimenti per neonati (50 ml) e somministrato in piccole porzioni durante la giornata.

Soluzioni per la reidratazione orale

Disponibile sotto forma di polveri o granulati che richiedono diluizione con acqua. Contengono elettroliti (sodio, potassio, cloro), oltre a glucosio ed estratti vegetali nelle giuste proporzioni. Il principale svantaggio delle soluzioni farmaceutiche è un gusto sgradevole, che può complicare la saldatura del bambino..

Antibiotici

Quando si trattano intossicazioni alimentari nei bambini a casa, è necessario astenersi dall'assumere farmaci antibatterici di azione sistemica. Ciò è dovuto all'impossibilità di determinare con precisione il microrganismo patogeno che ha causato l'avvelenamento.

La nifuroxazide è un farmaco antimicrobico relativamente sicuro per il trattamento dell'intossicazione alimentare. È un antisettico intestinale di ampia azione, che non viene praticamente assorbito dal tratto gastrointestinale. Bambini di età inferiore a 6 anni - viene mostrata una sospensione (5 ml 3 rubli / giorno), di età superiore a 6 anni - in forma di compresse (2 etichetta.4 rubli / giorno).

A casa

La terapia dell'avvelenamento in un bambino a casa è possibile solo nei casi in cui i genitori possono controllare completamente la situazione e prevenire lo sviluppo di complicanze. I bambini di età inferiore a 3 anni necessitano di cure mediche obbligatorie in caso di avvelenamento. Ciò è dovuto al fatto che è difficile per loro lavare adeguatamente lo stomaco e somministrare i farmaci necessari. Allo stesso tempo, la disidratazione e l'intossicazione generale si verificano molto rapidamente..

Il trattamento dell'avvelenamento nei bambini a casa deve essere effettuato per fasi e dopo aver consultato un pediatra secondo il regime prescritto dal medico. Tutti i medicinali devono essere utilizzati secondo le istruzioni. Al primo segno di complicazioni, l'autotrattamento dovrebbe essere interrotto.

Video utile

Il dottor Komarovsky in assistenza di emergenza per intossicazione alimentare in un bambino:

Segni di intossicazione alimentare nei bambini e possibili cause

Oggi, l'intossicazione alimentare nei bambini è una lamentela abbastanza comune dei genitori. Tuttavia, in questo caso, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico, perché questo spaventerà ancora di più il bambino. Metti da parte tutte le tue preoccupazioni e fallo! Tutte le tue azioni dovrebbero mirare a fornire il primo soccorso a tuo figlio e rimuovere le sostanze tossiche dal suo corpo.

Possibili cause di avvelenamento infantile

I cibi velenosi possono avvelenare tuo figlio.

L'intossicazione alimentare è convenzionalmente divisa in 2 tipi. Tuttavia, questa divisione condizionale non diminuisce il pericolo per la salute del bambino. Quindi, ci sono 2 tipi di intossicazione alimentare:

  1. Avvelenare un bambino con prodotti velenosi. Tale avvelenamento può verificarsi a causa del consumo del bambino di bacche velenose, funghi o semi di piante..
  2. Avvelenamento con sostanze tossiche. Tale avvelenamento significa avvelenamento a seguito dell'ingestione di alimenti contenenti agenti patogeni e sostanze tossiche.

Non so nemmeno se si possa dire che l'avvelenamento con sostanze tossiche è anche peggio dei prodotti velenosi, ma il fatto che a causa di tale avvelenamento, intossicazione o qualche tipo di patologia possa accadere è un dato di fatto.

Non confondere l'avvelenamento da tossine con l'infezione da tossine di origine alimentare. Si differenzia dall'avvelenamento per un breve periodo di incubazione. Questa infezione non è contagiosa, quindi è sicuro contattare un bambino con toxoinfezione. Molto spesso, l'intossicazione alimentare si verifica dopo l'ingestione di tali alimenti:

  • Uova (soprattutto se hanno guscio rotto e uova crude)
  • Frutti di mare
  • Dolci alla panna
  • Verdure e ortaggi a radice
  • Latte e latticini

Penso che sia inutile parlare di insalate e altri prodotti finiti sugli scaffali dei supermercati, perché questo alimento è un tesoro per E. coli, salmonella e stafilococco.

Se dopo aver consumato i prodotti finiti del supermercato tuo figlio si sente bene, allora puoi considerarlo un miracolo..

È decisamente difficile vietare a tuo figlio di mangiare frutta o una porzione di gelato nella calura estiva. E, in realtà, non è necessario farlo. Devi solo stare più attento quando scegli un prodotto..

Quando acquisti qualcosa per tuo figlio in negozio, assicurati di acquistare prodotti di qualità e presta attenzione anche alla data di scadenza. Puoi stare tranquillo solo sapendo che tuo figlio sta mangiando prodotti di qualità fabbricati da un'azienda affidabile nel rispetto degli standard sanitari e igienici..

La migliore prevenzione è mangiare i pasti sani di tuo figlio a casa..

Quali sintomi indicano avvelenamento da bambino?

La febbre in un bambino è un segno di avvelenamento.

In caso di avvelenamento, i sintomi in un bambino appariranno inaspettatamente con un carattere crescente, ad es. all'inizio potrebbe esserci nausea, a cui si unirà il vomito e il vomito sarà accompagnato da febbre alta, ecc..

In caso di avvelenamento lieve, il benessere del bambino può essere soddisfacente, ma ciò non significa che i segni di intossicazione alimentare non progrediscano in futuro. È solo che tutti i sintomi appariranno gradualmente, opprimendo il corpo del bambino..

Allo stesso tempo, con una forma complessa di avvelenamento, un bambino può subire uno shock tossico-infettivo. In generale, i sintomi di intossicazione alimentare in un bambino assomigliano a questo:

  1. Nausea
  2. Vomito abbondante
  3. Mal di stomaco (può essere 15 o più volte al giorno)
  4. Diarrea
  5. Temperatura elevata
  6. La presenza di coaguli di sangue, muco o colore verde nelle feci
  7. Pelle pallida
  8. Bocca asciutta
  9. Battito cardiaco accelerato e respiro accelerato
  10. Pressione sanguigna bassa
  11. Urina concentrata, ad es. assume una tonalità scura

Non aspettare che i sintomi si aggiungano. Dopotutto, questo può portare alla disidratazione del corpo. Più a lungo ritardi il momento di andare dal medico, più danni fai alla salute di tuo figlio..

Come fornire il primo soccorso a un bambino in caso di avvelenamento?

Ogni genitore a casa può fornire il primo soccorso a suo figlio. L'assistenza viene fornita in 4 fasi:

Lavanda gastrica

La lavanda gastrica aiuterà a sbarazzarsi dei residui di cibo spazzatura.

Cosa significa lavare lo stomaco? - Ciò significa che è necessario ripulirlo dai resti di quel cibo spazzatura, con cui il bambino si è avvelenato, il prima possibile.

Certo, non hai una sonda medica a casa e il bambino è già sopraffatto dalla stanchezza dal frequente bisogno di vomitare, ma non si può fare nulla: devi sbarazzarti urgentemente del provocatore dell'intossicazione alimentare.

Quindi, questo può essere fatto come segue: devi convincere il bambino a bere 1-2 litri di acqua calda bollita, quindi mettere le dita in bocca e premere sulla radice della lingua per indurre il vomito. Idealmente, questa procedura dovrebbe essere eseguita 2-3 volte. In breve, questo dovrebbe essere fatto fino a quando l'acqua risciacquata non appare nel vomito.

A proposito! Vorrei sfatare il mito sulle proprietà antidoto del latte. È un'idea sbagliata che il latte non aiuterà in alcun modo il tuo bambino. Dopotutto, il corpo avvelenato del bambino è stanco e non ha la forza di digerire il cibo.

Puoi anche usare il bicarbonato di sodio per eliminare i resti di cibo spazzatura. Porzione: 1 cl. l. / 1 ​​l di acqua potabile. Il permanganato di potassio può essere utilizzato per la lavanda gastrica, ma tieni presente che il permanganato di potassio può essere utilizzato sotto forma della sua soluzione satura e non in forma cristallina.

In ogni caso, la lavanda gastrica con i metodi di cui sopra è possibile solo all'età di 5 anni!
I bambini piccoli vengono lavati con uno stomaco solo con una sonda medica e solo in un ospedale sotto la supervisione di un medico.

In attesa di un'ambulanza, adagiare il bambino su un barile e assicurarsi che il vomito non penetri nelle sue vie respiratorie.

Ricezione di enterosorbents

Il lavaggio dello stomaco non è una misura sufficiente. Quindi dovrai usare enterosorbenti. Ciò è necessario per ridurre la quantità di sostanze tossiche nell'intestino. È meglio che i bambini piccoli somministrino enterosorbenti prodotti sotto forma di sospensioni, perché la sospensione può essere diluita con acqua e sarà più piacevole per il bambino da bere.

Tuttavia, se non hai trovato un tale enterosorbente, acquista sotto forma di compresse. Possono essere frantumati e diluiti anche in acqua potabile. Prima di assumere enterosorbente, leggere le istruzioni allegate al farmaco, poiché ogni farmaco ha dosaggi, condizioni di utilizzo e conservazione individuali.

Combatti la disidratazione

Il brodo di riso è un ottimo rimedio per la disidratazione.

Ricordati di combattere la disidratazione del tuo bambino. Dagli da bere il più spesso possibile (ad esempio, ogni 15 minuti, almeno un paio di sorsi). Puoi bere quanto segue a tuo figlio:

  • Tè (nero o verde, ma non forte)
  • Acqua minerale naturale
  • Brodo di riso
  • Soluzioni saline speciali

Usando un clistere

Ci sono molte polemiche sull'opportunità di usare un clistere. Tuttavia, la decisione spetta a te. Sicuramente, un semplice clistere non può aiutarti con nulla. Avrai bisogno di un clistere a sifone. Ma, se non hai le capacità, è meglio che non le prenda. Altrimenti, spaventerai il bambino e diventerai nervoso..

Il modo più affidabile è chiamare la squadra dell'ambulanza, perché la stessa appendicite ha sintomi simili all'avvelenamento.

Trattare l'intossicazione alimentare in un bambino

In caso di avvelenamento, gli antibiotici non dovrebbero essere usati.

Il tempo massimo che puoi dedicare a te stesso per provare il trattamento a casa è un giorno..

Se la situazione non si stabilizza entro un giorno, chiama immediatamente un'ambulanza. Eliminare immediatamente le seguenti procedure di trattamento dalla testa:

  1. Assunzione di antibiotici
  2. Assunzione di farmaci antiemetici
  3. Trattamento farmacologico antidiarroico

Ciò è dovuto al fatto che il vomito e la diarrea sono una reazione che cerca di proteggere il corpo dalla penetrazione di batteri nocivi e sostanze tossiche.

Se tuo figlio non ha ancora 2 anni, anche un'intossicazione alimentare lieve dovrà essere trattata in ambiente ospedaliero. I bambini di 2 anni sono soggetti a ricovero ospedaliero obbligatorio nel reparto di degenza.

Quando si eseguono procedure mediche, è molto importante compensare la mancanza di liquidi ed elettroliti nel corpo. Per fare ciò, è necessario seguire il corretto regime di consumo. Per ripristinare il livello di liquidi richiesto nel corpo, puoi utilizzare le seguenti bevande:

  • Acqua minerale naturale
  • Brodo di riso
  • Tè (non forte)
  • Tintura di rosa canina
  • Soluzioni di sale d'acqua

Incoraggia tuo figlio a bere piccole quantità di bevanda, ma spesso (ogni 15 minuti). Oltre al corretto regime di consumo, dovrai anche seguire una dieta terapeutica. Dovrai smettere di mangiare per 4-6 ore, ma non dimenticare di dare da bere a tuo figlio. Dopo la scadenza del periodo di astinenza dal cibo, puoi passare a una dieta moderata.

Il cibo risparmiato include cibo liquido, semiliquido e grattugiato. Devi nutrire il tuo bambino in piccole porzioni. Suddividi i pasti in 8 porzioni al giorno.

Inoltre, il bambino dovrà rinunciare a mangiare dolci, pane fresco e latte intero per diversi giorni. Ciò è necessario per evitare un possibile processo di fermentazione nell'intestino e questo alimento è un provocatore del processo di fermentazione. Anche nella dieta del bambino dovrebbe esserci cibo a basso contenuto di grassi. Si consigliano i seguenti alimenti:

  • Porridge a base d'acqua
  • Zuppe di verdure e carne bollita (servire intere come purè di patate)
  • Cracker
  • Latticini

Nelle prossime 2 o 3 settimane, si consiglia di cuocere a vapore il cibo per il bambino ed escludere quanto segue dal suo menu:

  1. Arrosto
  2. Grassetto
  3. Pane nero, spezie
  4. Frutta secca
  5. Verdure
  6. Succhi di frutta appena spremuti

Come trattare l'intossicazione alimentare - guarda il video:

Per tornare alla routine quotidiana e alla dieta abituale, è necessario ripristinare il corpo, che ha sofferto di cibi tossici.

Le procedure mediche per l'intossicazione alimentare di un bambino non possono fare a meno dell'uso di enterosorbenti. È necessario acquistarli solo su consiglio di un medico. In caso di emergenza, ascolta il consiglio del tuo farmacista.

Dopo aver affrontato gli evidenti segni di avvelenamento, puoi continuare il trattamento con enzimi, perché questo è molto importante per il ripristino della microflora benefica del corpo del tuo bambino. L'assunzione di enzimi aiuterà a evitare lo sviluppo di disbiosi o gastrite.

Oltre agli enterosorbenti, puoi anche dare a tuo figlio carbone attivo. È interessante notare che può essere somministrato ai bambini non solo con intossicazione alimentare, ma anche con una malattia infettiva., Soprattutto se si trova nel tratto digestivo.

Per i bambini che ancora non sanno come prendere le compresse, il carbone attivo può essere macinato e diluito con acqua potabile. Questo ti darà una sospensione. Il vantaggio di una sospensione è che è più efficace di una compressa e viene anche assorbita molto prima di una compressa..

Oggi viene fornito un numero enorme di preparati per i bambini, che sono disponibili sotto forma di sospensioni, polveri e granuli. Si dissolvono tutti perfettamente in acqua..

Per quanto riguarda la dose, vale la pena notare che è calcolata in base al peso del bambino. Tali informazioni possono essere ottenute studiando attentamente le istruzioni allegate al farmaco. È inoltre necessario prestare attenzione alle controindicazioni esistenti. Un'altra informazione utile contenuta nelle istruzioni sono le condizioni di conservazione.

In generale, leggere sempre attentamente le istruzioni, eseguire la procedura di trattamento rigorosamente secondo le istruzioni e conservare i medicinali secondo le condizioni di conservazione specificate nelle istruzioni..

Poiché il carbone attivo è nero, i genitori non dovrebbero farsi prendere dal panico quando vedono le feci nere in un bambino..

Prevenzione dell'intossicazione alimentare in un bambino

Lavati le mani prima di mangiare.

Per prevenire l'intossicazione alimentare nel tuo bambino, lavati le mani più spesso, rimuovi tutto ciò che potrebbe nuocere alla salute del tuo bambino ed evita l'acqua non depurata.

In questa materia, devi essere attento non solo alle azioni del bambino, ma anche a te stesso. Per esempio:

  • Dai a tuo figlio solo frutta e verdura lavate.
  • Lavati le mani prima di preparare il cibo
  • Tieni traccia della data di scadenza dei prodotti acquistati

In effetti, questo elenco può essere molto lungo, ma la cosa più importante è seguire le regole di igiene e assicurarsi che tuo figlio mangi correttamente..

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per comunicarcelo.

Intossicazione alimentare in un bambino

Articoli di esperti medici

L'intossicazione alimentare in un bambino è un'infezione tossica causata il più delle volte da cibo con contenuto microbico. L'intossicazione nei bambini è molto più intensa, più grave che nei pazienti adulti, poiché molte delle funzioni digestive del bambino stanno appena iniziando a formarsi.

I veleni (tossine) superano rapidamente tutti gli ostacoli, vengono assorbiti nel tratto gastrointestinale quasi istantaneamente, causando una condizione grave. Le tossine che provocano intossicazione alimentare in un bambino sono suddivise per origine in biologiche o non biologiche e possono causare i seguenti tipi di intossicazione:

  • Intossicazione alimentare, tossicoinfezione microbica.
  • Avvelenamento da secrezioni velenose di animali, rettili, piante.
  • Intossicazione con componenti chimici di varie sostanze.

A rigor di termini, l'intossicazione alimentare in un bambino è avvelenamento da funghi, piante e bacche velenosi, tutti gli altri problemi alimentari appartengono a un altro tipo, chiamato tossicoinfezione alimentare, cioè avvelenamento con cibo di scarsa qualità.

Le cause dell'intossicazione alimentare nei bambini sono direttamente correlate a pesce avariato, carne, latticini, che possono contenere una varietà di E. coli e batteri - stafilococchi, salmonella. Inoltre, frutta o verdura sporche possono spesso causare intossicazione..

Codice ICD-10

Intossicazione alimentare in un bambino di un anno

Questa è una malattia abbastanza comune, spiegata non tanto dalla disattenzione dei genitori, ma dal sistema enzimatico non formato e da altre proprietà protettive del tratto gastrointestinale nel bambino. Alcune delle cause più comuni di intossicazione alimentare in un bambino di un anno includono:

  • Allergia alimentare accompagnata da intossicazione.
  • Cambio di dieta quando si passa a cibi più "adulti", con i quali il sistema digestivo non è ancora familiare.
  • La via di contatto per le infezioni intestinali è un giocattolo sporco, mani sporche e così via. I bambini di questa età sono estremamente curiosi e attivi, quindi è abbastanza difficile tenere traccia dei loro tentativi indipendenti di studiare il mondo che li circonda..
  • Il percorso di contatto, quando c'è un paziente con E. coli in famiglia, e questa persona ha l'opportunità di contattare direttamente il bambino, di regola, questi sono i genitori.
  • Meno spesso, l'avvelenamento può essere causato da una malattia di una madre che allatta, quando lei stessa soffre di intossicazione alimentare. I sintomi di avvelenamento e un neonato allattato al seno sono abbastanza comprensibili..

L'intossicazione alimentare in un bambino di un anno si manifesta più spesso sotto forma di un disturbo delle feci, di regola è la diarrea. La diarrea persistente, che dura più di 2 giorni, minaccia di disidratare gravemente il corpo del bambino. Inoltre, i sintomi di intossicazione possono essere febbre, letargia, debolezza e spesso nausea o vomito. Il picco di avvelenamento gastrointestinale nei bambini piccoli e in tutte le categorie di età si verifica nella stagione estiva. Le condizioni di temperatura, la disponibilità di frutta e verdura, le difficili condizioni di conservazione degli alimenti e altri fattori rendono l'estate il principale colpevole dell'avvelenamento intestinale stagionale. Molto spesso, l'intossicazione alimentare in un bambino di un anno è provocata dai seguenti fattori:

  • Acqua grezza e non bollita che il bambino beve con il consenso dei genitori o cerca di procurarsi l'acqua da solo.
  • Latte crudo, non bollito, latticini, che spesso contengono Escherichia coli (E. coli) e frutta o verdura non lavate sono la causa dell'avvelenamento.
  • Le torte alla crema possono contenere stafilococchi, non dovrebbero essere somministrate a un bambino di un anno in modo categorico.
  • Salsicce, uova crude possono contenere salmonella. In linea di principio, la salsiccia è controindicata per i bambini..
  • Alcuni tipi di verdure conservate nelle cantine (patate, carote, cavoli) possono contenere sulla buccia la Yersinia enterocolitica, un bacillo anaerobico trasportato dai roditori.

Per riassumere, il motivo principale dell'intossicazione alimentare di un bambino è lo sporco banale, il secondo motivo è la conservazione impropria del cibo.

Sintomi di intossicazione alimentare nei bambini

I sintomi di intossicazione alimentare nei bambini sono caratterizzati da repentinità, accade che sullo sfondo di piena salute, il bambino diventa improvvisamente pallido, diventa letargico, capriccioso. Ciò è dovuto alla rapida diffusione dell'agente eziologico della tossicoinfezione nel tratto intestinale. Dolore, dolore, crampi addominali, il più delle volte diarrea mista a muco, possibilmente sangue, vomito e aumento della temperatura corporea indicano una natura infiammatoria acuta dell'intossicazione. Se la diffusione delle tossine attraverso il sistema digestivo del corpo non viene interrotta in modo tempestivo, il bambino sviluppa una condizione grave. Sintomi di intossicazione alimentare nei bambini che richiedono cure mediche immediate di emergenza:

  • Feci molli, diarrea che dura più di 2 ore. Se ci sono impurità del sangue nelle feci, è necessario chiamare immediatamente l'aiuto.
  • Vomito grave - più di una volta all'ora.
  • Impulso rapido.
  • Pallore, cianosi del viso e delle labbra.
  • Bere liquidi provoca il vomito.
  • Cattiva salute generale.

Sintomi di intossicazione alimentare nei bambini, che richiedono anche una visita da un medico, ma è possibile chiamare semplicemente un medico a casa:

  • Il bambino si lamenta di dolori addominali. Se il bambino è piccolo, si contorce, solleva le gambe verso lo stomaco, cerca di trovare una posizione più comoda per alleviare le coliche.
  • Ingiallimento del bianco degli occhi.
  • Temperatura corporea superiore a 37,5 gradi per 3-4 ore.
  • Urina scura.
  • Nausea, perdita di appetito.
  • Vomito dopo aver mangiato.
  • Diarrea ricorrente (più di 2-3 volte al giorno).
  • Bocca secca, secrezione di saliva viscosa.

Cosa dare a un bambino con intossicazione alimentare: segni di avvelenamento in un bambino

I bambini spesso soffrono di disturbi gastrointestinali. Il compito dei genitori è riconoscere nel tempo l'intossicazione alimentare in un bambino, i suoi sintomi e il trattamento. Per fare ciò, devi sapere come il bambino può essere avvelenato, quali segni compaiono per primi e cosa deve essere fatto prima che arrivi il medico..

Cosa può causare intossicazione alimentare

La causa più comune di avvelenamento infantile è il cibo scaduto. Quando il cibo inizia a deteriorarsi, si formano tossine dannose. Allo stesso tempo, di regola, le date di scadenza dei prodotti non sono ancora scadute, perché nessuna madre acquisterà consapevolmente un prodotto scaduto. Si tratta di una conservazione impropria, senza osservare il regime di temperatura richiesto. Pertanto, la maggior parte dell'intossicazione alimentare viene registrata in estate..

A volte un bambino può mangiare un cibo velenoso. Può essere funghi, piante, bacche o prodotti chimici domestici. Inoltre, l'intossicazione alimentare nei bambini può essere dovuta a un dosaggio improprio di farmaci..

L'intossicazione alimentare può verificarsi a seguito di una violazione della tecnologia di cottura di alcuni prodotti. Di regola, questo è un alimento di origine animale, che ha lo stafilococco.

Mangiare frutta e verdura crude, se non curato, può causare intossicazione alimentare. In questo caso, la colpa è dei nitrati su cui sono stati coltivati ​​questi prodotti..

Molte persone dicono che frutta o verdura non lavate possono essere avvelenate, poiché vari batteri vivono sulla loro superficie. Questo non è del tutto vero. Certo, per evitare problemi di salute, è necessario lavare tutti i frutti, ma una tale violazione è un'infezione intestinale, non avvelenamento.

Elenco dei prodotti "pericolosi":

  • frutti di mare e pesce;
  • Latticini;
  • uova crude;
  • piatti di carne che non hanno subito un trattamento termico sufficiente;
  • verdure per insalate e ortaggi a radice;
  • panna in pasticceria.

In che modo l'avvelenamento differisce dall'infezione intestinale?

È importante essere in grado di distinguere tra questi 2 disturbi. Dopotutto, se il bambino è avvelenato con il cibo, può essere curato a casa sotto la supervisione di un pediatra, il ricovero è richiesto solo nei casi più gravi. Ma se un bambino ha un'infezione intestinale, il trattamento è possibile solo in ospedale. Qual è la differenza?

Quindi, se un bambino viene avvelenato, i primi segni compaiono entro 48 ore, non di più. Nel caso di un'infezione intestinale, dal momento dell'infezione fino alla comparsa dei primi sintomi, possono essere necessari da 1 a 30 giorni, o anche di più.

I sintomi di intossicazione alimentare nei bambini compaiono all'improvviso e scompaiono molto rapidamente. L'esordio dell'infezione raramente dura meno di 7 giorni.

Il sintomo principale di un'infezione intestinale è una temperatura corporea elevata che persiste per diversi giorni. Se la temperatura è passata rapidamente e non ha superato i 38 ° C, si tratta di intossicazione alimentare.

Sintomi della violazione

La rapidità con cui compaiono i segni di intossicazione alimentare nei bambini dipende dal tipo e dalla quantità di tossina e dal tasso metabolico del bambino. A proposito, in base alla velocità di insorgenza dei sintomi, puoi determinare quale organo ha reagito alla tossina.

Se è lo stomaco, il vomito apparirà 30 minuti dopo l'avvelenamento. L'intestino reagisce dopo 4-6 ore. Ci vuole un po 'più di tempo prima che la tossina entri nel fegato e nel pancreas (fino a 48 ore).

La nausea è una reazione naturale del corpo, dopo l'ingestione della tossina, il bambino inizia presto a vomitare. Quindi il corpo cerca di purificarsi.

Dal lato dell'intestino sorgono varie sensazioni dolorose. Molto spesso si tratta di crampi o crampi nell'addome inferiore, si osserva brontolio e gonfiore dell'intestino.

La diarrea è un altro modo per disintossicare il corpo. Si manifesta in caso di irritazione intestinale. La diarrea può essere singola o multipla. Tuttavia, secondo i pediatri, il vomito senza diarrea è più spesso osservato nei bambini con avvelenamento..

La salute generale del bambino è compromessa, diventa letargico e assonnato, rifiuta il cibo e lamenta mal di testa. In caso di disidratazione, sintomi come:

  • pallore e pelle secca;
  • convulsioni;
  • una forte diminuzione della pressione sanguigna;
  • acidosi.

Questa condizione è molto pericolosa e può essere fatale, quindi è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza e andare in ospedale, dove al bambino verrà dato un contagocce,

Naturalmente, una grave disidratazione si verifica quando si perdono liquidi 10-12 volte al giorno. Ma dopo il terzo attacco di vomito o diarrea, il bambino ha bisogno di aiuto per ripristinare l'equilibrio idrico-elettrolitico. In questo caso, soluzioni speciali aiuteranno..

L'intossicazione generale porta ad un aumento della temperatura corporea. Di regola, non supera i 38 ° C. Ma nei bambini sotto i 5 anni, la temperatura corporea può raggiungere i 39,5 ° C.

Pronto soccorso per avvelenamento

E se mio figlio ha sintomi di intossicazione alimentare? Prima di tutto, chiama un pediatra. Se il medico non ha l'opportunità di esaminare il bambino nelle prossime ore (tarda sera o fine settimana), è necessario chiamare un'ambulanza. In caso di avvelenamento lieve non verranno ricoverati in ospedale, ma potranno prescrivere cure adeguate.

Prima dell'arrivo del medico, al bambino deve essere somministrato un assorbente. Quando si vomita, in modo che non ci siano reazioni negative, il farmaco viene diluito in acqua e somministrato al bambino in piccole porzioni ogni 5-10 minuti.

Puoi lavare lo stomaco, ma solo se il bambino ha più di 6 anni. Devi prendere acqua calda 10 ml / kg di peso e sciogliere 2-3 cristalli di permanganato di potassio in essa. Dopo che la soluzione si è raffreddata, è necessario che il bambino la beva completamente, quindi seguiranno vomito e pulizia dello stomaco. Questo metodo è efficace se i sintomi compaiono 30-60 minuti dopo l'ingestione della tossina ed è ancora nello stomaco..

Puoi pulire l'intestino con un clistere. È necessario prendere una dose di età del sorbente (carbone attivo, Smecta), scioglierlo in acqua e fare un clistere fresco. Il suo volume dipende dall'età del paziente:

  • 1-2 anni - 70 ml;
  • 2-3 anni - 140 ml;
  • 3-4 anni - 200 ml;
  • oltre 4 anni 250-300 ml.

In caso di avvelenamento, il bambino deve morire di fame per il primo giorno. Questo è molto difficile per una madre, ma bisogna ricordare che se lo stomaco è carico, tutti i sintomi acuti torneranno. Inoltre, è consigliabile che il bambino rispetti il ​​riposo a letto..

Trattamento dell'intossicazione alimentare

Come trattare l'avvelenamento? Dopotutto, tutto quanto sopra aiuterà solo ad alleviare le condizioni del bambino, ma non eliminerà la causa principale.

Per il trattamento viene eseguita la terapia farmacologica, che può essere prescritta solo da un medico. Di regola, consiste nell'assunzione di farmaci come:

  • assorbenti;
  • probiotici;
  • prodotti contenenti enzimi;
  • antibiotici;
  • soluzioni elettrolitiche.

Come accennato in precedenza, gli assorbenti sono il primo medicinale che deve essere somministrato a un paziente con intossicazione alimentare. Il farmaco può essere assolutamente qualsiasi, l'importante è determinare la dose di età richiesta. Gli assorbenti legano le tossine e le rimuovono dal corpo senza danneggiare la salute, quindi prima il bambino inizia a berlo, meno tossine entreranno nel flusso sanguigno.

Soluzioni speciali aiuteranno a ripristinare il livello del fluido; possono essere acquistate in qualsiasi farmacia. La soluzione più popolare è Regidron, deve essere diluito in acqua bollita e somministrato al bambino più volte al giorno, così come dopo ogni attacco di vomito o diarrea. Se dai l'intera porzione in una volta, la soluzione presa può provocare un altro attacco di vomito..

Se non è possibile acquistare una soluzione, spesso i bambini vengono avvelenati in vacanza, puoi preparare il suo analogo. Lo strumento è leggermente meno efficace, ma i suoi componenti sono sempre a portata di mano. Necessario:

  • 1 litro di acqua bollita fredda;
  • 1 cucchiaino sale;
  • 1 cucchiaino bibita;
  • 2 cucchiai. l. Sahara.

Tale soluzione può essere data anche in caso di aumento della temperatura con malattie infettive..

Dopo che i sintomi scompaiono, è necessario ripristinare il lavoro del tratto gastrointestinale. Ciò richiederà probiotici (Linex, Yogurt) e preparati contenenti enzimi, come Creonte (per migliorare la digestione). Ripristineranno la microflora intestinale, ridurranno i sintomi del dolore e accelereranno il recupero. Utilizzato sia per il trattamento che per la prevenzione dei disturbi gastrointestinali.

La decisione che un bambino ha bisogno di antibiotici può essere presa solo da un medico. Gli antibiotici sono prescritti per le infezioni intestinali.

In caso di avvelenamento in un bambino, vomito, se si ripresenta, è consigliabile interrompere. Questo aiuterà a prevenire la disidratazione. Di regola, i pediatri raccomandano Domrid. Ma puoi prenderlo solo dopo aver consultato un medico..

I farmaci antidiarroici possono aiutare ad alleviare la diarrea grave. 1 compressa di Loperamide migliorerà significativamente le condizioni del bambino. Inoltre, sono adatti farmaci come Enterofuril o Nifuroxazide. Ma dobbiamo ricordare che l'assunzione incontrollata di farmaci antidiarroici farà più male che bene..

etnoscienza

Il recupero può essere accelerato integrando il trattamento domiciliare con le ricette della medicina tradizionale, ma solo con il permesso di un medico. Il più comune di loro è un decotto di riso o farina d'avena..

Il brodo di riso combatte sia la diarrea che il vomito. Avrai bisogno di 1 parte di riso e 5 parti di acqua calda. Le semole devono essere versate e messe a fuoco, dopo l'ebollizione, il prodotto viene bollito per 2-5 minuti, filtrato e preso più volte al giorno.

Per preparare un decotto di farina d'avena, hai bisogno di 2 cucchiai. l. versare i fiocchi con acqua calda e cuocere per almeno 5 minuti. Prendi il medicinale allo stesso modo dell'acqua di riso.

Anche un decotto medicinale di camomilla e calendule, 1 cucchiaino aiuterà. miscela di erbe per 1 litro d'acqua.

In caso di avvelenamento con carne o pesce, il tè alla cannella è un rimedio efficace; 2-3 bastoncini di corteccia devono essere versati con acqua e portati a ebollizione. Dopo 5 minuti il ​​prodotto viene tolto dal fuoco e filtrato. Prendi 1 bicchiere due volte al giorno.

Alteika aiuta non solo la tosse. In caso di intossicazione alimentare, sono necessari 2 cucchiaini. radice, versare 1 bicchiere di acqua bollente e lasciare agire per 30 minuti. Prendi il rimedio per 1 cucchiaino. 4 volte al giorno, puoi aggiungere del miele.

Dieta per intossicazione alimentare

Come risultato dell'ingresso di tossine, la mucosa dello stomaco e dell'intestino si infiamma e il pancreas e il fegato sono esposti a forti stress. Pertanto, il cibo dovrebbe essere il più delicato possibile..

Il primo giorno dopo l'avvelenamento, devi rifiutare completamente il cibo. Il bambino può solo bere. L'eccezione sono i bambini di età inferiore a un anno, hanno bisogno di cibo già 3-4 ore dopo la scomparsa dei sintomi acuti. Ma puoi dare solo latte materno (se la madre non ha usato un prodotto tossico) o una formula di latte adattata.

Importante! Un giorno dopo la normalizzazione della condizione, il bambino deve mangiare. Quando si digiuna per più di 2 giorni, l'unica opzione possibile è il ricovero in ospedale e l'alimentazione artificiale attraverso un tubo.

Regole dietetiche dopo l'intossicazione alimentare:

  • tutto il cibo deve essere grattugiato;
  • devi mangiare in piccole porzioni;
  • mangiare 5-6 volte al giorno;
  • il cibo dovrebbe essere bollito, stufato o cotto a vapore.

In caso di avvelenamento lieve, già dal giorno 2 il bambino può sentirsi bene, tuttavia la dieta deve essere rispettata per almeno 5-7 giorni.

Cosa dare a un bambino in caso di avvelenamento? Per i bambini di età superiore a un anno, il porridge cotto in acqua è adatto, è meglio dare la preferenza a riso, farina d'avena o grano saraceno. Puoi offrire purè di patate senza burro e latte, nonché zuppa di purea in acqua. I brodi dovrebbero essere esclusi per l'intera durata della dieta..

Il terzo giorno, puoi offrire al bambino della ricotta o kefir con una bassa percentuale di grassi, mele cotte, cracker dolci. L'importante è non esagerare..

I piatti di carne sono consentiti per il bambino non prima di 4 giorni. Coniglio, tacchino e pesce magro vanno bene.

Dopo l'avvelenamento, è vietato mangiare cibi come:

  • affumicato, in salamoia e piccante;
  • succhi, verdure crude e frutta;
  • grasso o fritto;
  • cibo in scatola;
  • dolci;
  • panetteria fresca.

Durante il periodo di recupero del tratto gastrointestinale, il cibo dovrebbe essere principalmente vegetariano, poiché i prodotti animali sono molto più difficili da digerire..

Intossicazione alimentare in un bambino: sintomi, pronto soccorso, trattamento

L'intossicazione alimentare è un evento abbastanza comune nei bambini, anche in quelle famiglie in cui l'igiene e la freschezza del cibo sono attentamente monitorate. Questo problema è particolarmente rilevante in estate, durante i viaggi e la stagione estiva dei cottage, quando c'è la tentazione di provare qualcosa di nuovo o di mangiare bacche, frutta o verdura non lavate direttamente dall'orto. Inoltre, il cibo si deteriora più velocemente in estate e può portare a conseguenze spiacevoli..

A rischio

Gli alimenti particolarmente suscettibili alla dispersione di agenti patogeni sono:

• latticini (prestare attenzione alla data di scadenza e alla data di fabbricazione dei prodotti nel punto vendita);

• uova (non mangiare uova incrinate, riscaldare il prodotto per escludere la possibilità di salmonellosi);

• carne, pesce e frutti di mare (lavare accuratamente carne e pesce in acqua corrente prima della cottura);

• pasticceria con crema;

• frutta, funghi, bacche e verdure.

Intossicazione alimentare: cause

L'intossicazione alimentare è anche chiamata "gastroenterite infettiva" o "infezione intestinale di eziologia sconosciuta". In altre parole, è un'infezione causata da tossine o microrganismi patogeni..

È più difficile per il corpo di un bambino debole trattare le tossine. Se un adulto mangia un prodotto avariato, nella maggior parte dei casi scenderà con sensazioni spiacevoli allo stomaco e una violazione delle feci. Il corpo del bambino può reagire con nausea grave, vomito, crampi addominali dolorosi e diarrea. Questi sintomi compaiono diverse ore dopo aver mangiato cibo avariato. Con questi segni, i genitori possono determinare immediatamente l'intossicazione alimentare in un bambino..

Intossicazione alimentare in un bambino: sintomi

I sintomi principali sono: dolore addominale, nausea, frequenti attacchi di vomito, diarrea ripetuta, perdita di appetito. La velocità di insorgenza e la gravità dei sintomi dipendono dalla tipologia del patogeno, dalla quantità di cibo ingerito e dallo stato di immunità del bambino. Brividi e febbre durante l'avvelenamento in un bambino non sempre compaiono. Ma sono un segno sicuro che la malattia sta progredendo..

Lo stato clinico di un bambino in caso di avvelenamento è suddiviso in tre fasi:

Stadio asintomatico. Dura dal momento della contaminazione con le tossine fino alla comparsa dei primi segni di intossicazione alimentare.

Stadio tossicogeno. Questo è l'intervallo tra la manifestazione dei primi sintomi fino a quando il corpo del bambino non è completamente purificato dalle tossine..

Fase di convalescenza. Questo è il nome del periodo di recupero del corpo: il sistema digestivo, escretore e immunitario..

È importante adottare misure terapeutiche nelle prime ore della malattia per evitare che le condizioni del bambino peggiorino e, in particolare, per evitare la disidratazione..

Segni caratteristici di grave disidratazione: grave debolezza, comportamento inappropriato del bambino, battito cardiaco accelerato e respiro accelerato, polso debole alla periferia, occhi fortemente infossati, diminuzione del turgore della pelle (se si porta la pelle in un magazzino, non si raddrizza pochi secondi dopo averla rilasciata).

Intossicazione alimentare in un bambino: trattamento

Il trattamento dell'avvelenamento nei bambini è, prima di tutto, bere e prendersi cura in abbondanza, inclusa una routine quotidiana confortevole per il bambino. È importante che il genitore e il medico escludano la presenza di altre cause più pericolose di vomito nel bambino. Ad esempio, la meningite nei bambini è spesso accompagnata anche da vomito. Il resto del trattamento si riduce al fatto che il bambino ha bisogno di essere saldato, incoraggiato e previsto.

Principi di base per dissaldare:

  • Se il bambino è allattato al seno, continuare ad allattare, ma applicare più spesso del solito.
  • Bere in piccole quantità (ogni 10-15 minuti, 1-3 cucchiai). Il volume ottimale di liquidi al giorno è di 100 ml * per 1 kg di peso corporeo del bambino. Puoi preparare la soluzione da solo: mescola 1 cucchiaino. sale, 6 cucchiaini. zucchero e un litro di acqua bollita.
  • Liquido ottimale per dissaldare - soluzione di reidratazione orale del bambino con bassa osmolarità (il classico Rehydron per bambini è molto salato).
  • Non bere bevande gassate e succhi di frutta concentrati! Se il bambino si rifiuta di bere acqua, offrigli composta o succo diluito fatto in casa, tè debole (ricorda che la caffeina, che è contenuta nel tè, ha un effetto diuretico).
  • In casi critici, se non c'è modo di saldarlo - ad esempio, il bambino vomita molto spesso - è indicata l'infusione endovenosa di soluzioni saline.

In genere, l'intossicazione alimentare viene trattata in regime ambulatoriale, ad es. a casa, ma è imperativo contattare il proprio medico per monitorare l'insorgenza dei sintomi di ansia.

Cosa dare a un bambino in caso di avvelenamento?

Antibiotici, antiemetici, analgesici e antidiarroici non devono essere usati per intossicazione alimentare. Questo può danneggiare il corpo e aggravare la situazione..

In rari casi, con vomito molto frequente e il primo giorno di avvelenamento, al bambino viene prescritto un farmaco antiemetico. Riprenderlo non è raccomandato a causa della presenza di un gran numero di effetti collaterali.

Se il bambino ha meno di tre anni, è necessaria la consultazione di un medico! Se vedi che il trattamento non funziona, contatta anche il tuo pediatra..

Oltre al regime di consumo, è necessario osservare una dieta speciale. Se tuo figlio si rifiuta di mangiare, non costringerlo a farlo. La mancanza di appetito può essere osservata anche il giorno successivo all'avvelenamento. Dai da mangiare al bambino con zuppe liquide, porridge in acqua, puoi dare un tè dolce con il pangrattato. Si consiglia di escludere temporaneamente l'uso di latticini, frutta fresca, verdura e bacche, ridurre la quantità di carboidrati.

Prevenzione dell'intossicazione alimentare

Per ridurre al minimo i rischi, non dimenticare le misure di prevenzione dell'avvelenamento:

  • lavaggio accurato delle mani;
  • rispetto delle regole di preparazione dei cibi: lavaggio di frutta e verdura, carne e pesce, trattamento termico degli alimenti. In estate è meglio non condire piatti e insalate con salse;
  • rispetto della durata di conservazione del cibo: nei giorni caldi è vietata la conservazione aperta del cibo;
  • non acquistare piatti pronti nei negozi. Carne, pesce, uova e latticini devono essere acquistati presso punti vendita certificati;
  • non date a vostro figlio quei prodotti di cui dubitate della qualità. Ciò è particolarmente vero per funghi e bacche..

Intossicazione alimentare in un bambino - regole di pronto soccorso e trattamento

Buon momento, cari lettori.

L'intossicazione alimentare in un bambino è un evento comune. È accompagnato da un inizio improvviso, un forte deterioramento della salute ed è molto spaventoso per molti genitori. Quali sintomi compaiono in caso di avvelenamento, cosa fare, come trattare e nutrire il bambino?

  1. Sintomi di avvelenamento
  2. Come distinguere l'avvelenamento dall'infezione da rotavirus?
  3. Pronto soccorso per avvelenamento
  4. Come trattare l'avvelenamento
  5. Tè alla camomilla per avvelenamento
  6. Tè allo zenzero per avvelenamento
  7. Dieta per intossicazione alimentare
  8. Prevenzione
  9. Conclusione

Sintomi di avvelenamento

L'intossicazione alimentare è un'infezione intestinale che si verifica dopo aver mangiato cibo di scarsa qualità, acqua sporca, a causa del mancato rispetto delle regole di igiene, conservazione del cibo. Nei bambini, la malattia è sempre più acuta che negli adulti. Ciò è dovuto al fatto che il fegato produce una quantità insufficiente di enzimi per combattere le tossine, l'acidità del succo gastrico è ridotta.

I primi segni di avvelenamento possono comparire entro 1-24 ore dopo aver mangiato cibo di scarsa qualità. Tutto dipende dal tipo di agente patogeno, dall'età del bambino. Prima dell'inizio di evidenti sintomi di intossicazione, potresti notare che il bambino è diventato meno attivo, ha iniziato a sudare molto.

I principali segni di avvelenamento:

  • frequenti attacchi di diarrea - feci acquose, spesso con muco o macchie verdi o sangue (se le noti, dovresti consultare immediatamente un medico);
  • segni di intossicazione - temperatura fino a 39 gradi, ossa e muscoli doloranti, mal di testa;
  • dolore acuto all'addome;
  • disidratazione: la pelle diventa pallida, le labbra si seccano, l'urina diventa scura, la sua quantità diminuisce, i parametri arteriosi diminuiscono, possono comparire convulsioni;
  • nausea, vomito: dopo un attacco, il bambino diventa un po 'più facile;
  • mancanza di appetito;
  • debolezza, sonnolenza.

Molto spesso, l'avvelenamento nei bambini si verifica dopo aver consumato latte, dessert con panna, uova, funghi. Il picco della malattia si verifica in estate e all'inizio dell'autunno..

Come distinguere l'avvelenamento dall'infezione da rotavirus?

Entrambe le malattie hanno un quadro clinico simile, una diagnosi accurata può essere fatta solo dopo aver superato i test.

L'infezione da rotavirus colpisce spesso i bambini in inverno, si sviluppa a causa della mancata osservanza delle norme igieniche da parte del bambino, del contatto con una persona infetta. Il periodo di incubazione è di 14 giorni, la temperatura può salire a 40 gradi, i segni di SARS si uniscono a diarrea e vomito, i sintomi acuti compaiono entro 10 giorni.

Pronto soccorso per avvelenamento

Se tuo figlio è avvelenato, non incolpare te stesso. Sfortunatamente, la qualità di molti, anche del cibo per bambini, lascia molto a desiderare: il cibo apparentemente piacevole e sicuro può contenere molti microrganismi nocivi e sostanze pericolose. Il tuo compito è aiutare molto rapidamente il bambino a far fronte all'intossicazione ed evitare lo sviluppo di complicazioni.

Qualsiasi automedicazione di un bambino di età inferiore a un anno è inaccettabile, i bambini di età inferiore a 3 anni non possono lavare autonomamente lo stomaco. Tutto quello che puoi fare è chiamare un'ambulanza, assicurarti che il bambino sia completamente calmo fino all'arrivo del medico..

Regole di primo soccorso:

  1. Metti il ​​bambino su un lato per evitare di soffocare con il vomito.
  2. Non dare da mangiare, anche se il bambino ha improvvisamente appetito.
  3. Esegui un lavaggio gastrico. I bambini di età inferiore a 5 anni possono utilizzare solo acqua calda per la procedura, un bambino più grande può preparare una soluzione di soda - 5 g di soda per 1 litro di acqua.
  4. Dopo aver bevuto l'acqua, è necessario indurre il vomito: premere delicatamente il dito sulla radice della lingua.
  5. Dai a tuo figlio Smecta, carbone attivo, un altro assorbente.
  6. Dare 5-10 ml di soluzione di Rehydron ogni 5-10 minuti per evitare la disidratazione. Se non è disponibile una preparazione pronta, prepara da solo una bevanda - sciogli 2 cucchiaini in 1 litro di acqua tiepida. zucchero, 1 cucchiaino. soda e sale.

Non affrettarti a dare a tuo figlio rimedi per vomito e diarrea: questi processi indicano un intenso processo di pulizia del corpo dalle tossine, se li fermi, tutta la microflora patogena rimarrà all'interno. Gli antibiotici non dovrebbero essere somministrati, solo un medico può prescriverli..

Consultare un medico se i segni di avvelenamento persistono entro due giorni e vengono osservati in più membri della famiglia contemporaneamente. Inoltre, se il bambino peggiora, i sintomi della disidratazione peggiorano..

Come trattare l'avvelenamento

Solo forme lievi di avvelenamento nei bambini di età superiore a 3 anni possono essere trattate in modo indipendente. I segni acuti di avvelenamento scompaiono entro 24-72 ore, per qualche tempo c'è una diminuzione dell'appetito, dolore addominale, diarrea minore. Fino a quando tutti i sintomi spiacevoli non scompaiono completamente, è necessario somministrare al bambino assorbenti.

Dopo la scomparsa del vomito, è necessario ripristinare la microflora intestinale con l'aiuto di probiotici. Uso:

  • Linex,
  • Acipol,
  • Bifiform.

Gli enzimi aiuteranno a ripristinare la digestione

  • Mezim,
  • Creonte.

È meglio non somministrare antidolorifici al bambino, No-shpa affronta bene il disagio addominale.

Tè alla camomilla per avvelenamento

Questa bevanda senza pretese elimina il dolore e l'infiammazione nel sistema digestivo..

Per prepararlo, versare 250 ml di acqua bollente su 1 cucchiaio. l. materie prime, lasciare in un contenitore sigillato fino a quando non si raffredda, filtrare, è possibile aggiungere un po 'di miele.

Tè allo zenzero per avvelenamento

In caso di nausea grave, preparare il tè allo zenzero per il bambino - 1 cucchiaino. radice fresca grattugiata in 220 ml di acqua bollente, dopo 10 minuti passare la bevanda attraverso diversi strati di garza.

Dieta per intossicazione alimentare

Bere molti liquidi è uno dei passaggi importanti per sbarazzarsi dell'intossicazione. Per purificare rapidamente il corpo dalle tossine, dai al tuo bambino acqua senza gas, tè debole e acqua di riso. Per ogni chilogrammo di peso del bambino, dovrebbero essere almeno 200 ml di liquidi al giorno.

Entro 6 ore dall'insorgenza dei sintomi di avvelenamento, il bambino non deve essere nutrito e lui stesso non vuole davvero mangiare in questo stato. Dopo il miglioramento, è necessario seguire una dieta delicata per 14-20 giorni..

Elenco dei prodotti approvati:

  • porridge liquido sull'acqua;
  • cracker fatti in casa;
  • brodi vegetali leggeri, zuppe frullate a base di essi;
  • purea di carne magra bollita;
  • latticini.

Vuoi sempre nutrire un bambino malato con qualcosa di gustoso, ma in caso di avvelenamento, questo è assolutamente impossibile da fare. Il menu non deve contenere:

  • succhi,
  • dolci,
  • cottura,
  • frutta e verdura crude,
  • cibo spazzatura e pesante,
  • latte.

Nutri il tuo bambino 6-7 volte al giorno in piccole porzioni.

Prevenzione

Per evitare avvelenamenti, acquistare prodotti solo in luoghi fidati, studiare attentamente l'integrità della confezione, le date di scadenza, prestare attenzione alle condizioni di conservazione.

Misure preventive di base:

  1. Insegna a tuo figlio fin dalla tenera età a lavarsi le mani spesso e accuratamente, soprattutto dopo aver camminato, usato il bagno, prima di mangiare.
  2. Non dare cibo al tuo bambino fuori..
  3. Lavare abbondantemente, se possibile immergere in acqua calda, frutta e verdura, soprattutto quelle a contatto con la terra.
  4. Non dare da mangiare ai bambini sushi, carne con sangue.
  5. Se lasci del cibo sul tavolo, assicurati di coprirlo..
  6. Le mosche e gli scarafaggi sono portatori di infezione, quindi devi combatterli senza pietà.

Non acquistare nulla dalla cucina e nella stagione calda astenersi dall'acquistare dolci con crema. In estate, è meglio ridurre al minimo il consumo di latte, uova, non nutrire i bambini con i funghi, soprattutto di bosco.

Conclusione

Ora conosci i sintomi e il trattamento dell'intossicazione alimentare in un bambino. Abbiamo scoperto tutto sulle cause e sui metodi per prevenire la malattia..

Dicci nei commenti se hai dovuto affrontare l'avvelenamento, quali rimedi ti hanno aiutato a far fronte al problema. E non dimenticare di condividere l'articolo con i tuoi amici sui social network: ogni madre ha bisogno di un piano d'azione chiaro in caso di avvelenamento..

Articoli Su Colecistite